Torre del GrecoToday

Madre e figlio nascondevano proiettili del clan

Una donna di 56 anni e il figlio 16enne sono stati denunciati a piede libero. Sono imparentati con un ras del clan Gallo-Limelli-Vangone

Entrambi sono parenti di uno dei ras del clan Gallo-Limelli-Vangone di Boscotrecase. Proprio nella cittadina ai piedi del Vesuvio i carabinieri della stazione di Torre Annunziata hanno ritrovato 22 cartucce calibro 12. I proiettili erano nascosti all'interno della loro abitazione di via Sepolcri, al confine proprio con la città oplontina. In particolare sul tetto della casa dove ancora vivono la donna di 56 anni e il figlio minorenne di 16 anni.

Le cartucce erano nascoste all'interno di una scatola di cartone e sono stati ritrovati lì dai militari comandati dal luogotenente Egidio Valcaccia. Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà alle autorità giudiziarie competenti. I carabinieri torresi stanno adesso cercando di capire se nei pressi dell'abitazione ci fossero anche altre armi e se la famiglia fosse coinvolta negli affari del clan e se si stesse preparando a fronteggiare un'offensiva di gruppi criminali rivali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento