Torre del GrecoToday

Sequestrati 250 chili di pesce avariato

In totale la merce è stata sequestrata in otto esercizi commerciali a Torre del Greco. Tutti i proprietari sono stati deferiti all'autorità giudiziaria e multati

Con l'arrivo della Pasqua aumentano anche i controlli per vigilare sulla giusta conservazione degli alimenti. In particolare di pesce e frutti di mare che finiscono sempre in questo periodo sotto la lente d'ingrandimento delle autorità. È quello che hanno fatto i militari della Guardia costiera e dei carabinieri questa mattina a Torre del Greco dove hanno sequestrato un totale di 250 chili di pesce avariato o in cattivo stato di conservazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In totale i controlli hanno riguardato otto esercizi commerciali dove è stata sequestrata la merce. Il cibo sequestrato era in cattivo stato o comunque non rispettava le norme per la regolare conservazione. Tutti i proprietari delle pescherie sottoposte a controllo e dove sono state riscontrate le irregolarità sono stati segnalati all'autorità giudiziaria. Ai loro danni sono state comminate anche le sanzioni amministrative previste dalla legge.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento