Torre del GrecoToday

Torre del Greco, a rischio la maggioranza di Malinconico

Borriello minaccia ricorsi e ricontrollo delle schede. La maggioranza, di per se risicata, potrebbe traballare nelle prossime ore

Ciro Borriello

Resta ancora una vittoria col punto interrogativo quella avvenuta alle ultime elezioni a Torre del Greco. In ballo c’è una maggioranza ancora dubbia, ed una contestazione dell’ex sindaco Ciro Borriello per il conteggio delle schede e l'interpretazione della norma. Ai pochi fedelissimi che sono rimasti al suo fianco nella cattiva sorte, non si è nascosto dietro un dito: «È stata la mia sconfitta, non la sconfitta della coalizione», le prime parole per analizzare la sconfitta alle urne che ha reso la vittoria al nuovo sindaco Gennaro Malinconico. 

«Aspettiamo la proclamazione definitiva da parte della competente commissione elettorale – spiega Ciro Borriello – poi valuteremo l’ipotesi di presentare ricorso contro l’assegnazione dei seggi». Assegnazione che, al momento, non lascerebbe spazio per l’opposizione: 15 posti alla coalizione guidata da Gennaro Malinconico, solo nove scranni in aula per gli alleati di Ciro Borriello. «Ma secondo il parere di alcuni esperti di leggi elettorali - sottolinea l'ex primo cittadino - sarebbero stati sbagliati i calcoli relativi ai voti validi. Senza trascurare il fatto che diversi candidati lamentano di avere avuto assegnati meno voti rispetto ai propri calcoli». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento