Torre del GrecoToday

Assenteismo a Boscotrecase: i “fannulloni” ammettono le loro colpe

Al giudice hanno raccontato di aver utilizzato l'auto privata perché il comune aveva una sola auto di servizio

Si sono conclusi, con una serie di ammissione di colpe e qualche motivazione da verificare, gli interrogatori di garanzia per i 23 dipendenti del comune di Boscotrecase coinvolti nel blitz anti-assenteismo di due giorni fa. Sono solamente due i comunali che si sono avvalsi della facoltà di non rispondere mentre gli altri hanno raccontato al Gip Giovanni De Angelis le loro motivazioni. A cominciare dal perché in molti fossero fuori ufficio durante l'orario di servizio con la propria automobile. Secondo quanto raccontato dai dipendenti, in molti erano costretti ad uscire per ragioni di servizio con la propria vettura perché il piccolo comune ai piedi del Vesuvio ne aveva solamente una a disposizione. In molti hanno risposto al giudice che non bastava per le attività comunali e quindi erano “costretti” ad utilizzare la propria non ottenendo nemmeno il rimborso della benzina nonostante l'avessero chiesto all'ente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stessa tesi sostenuta anche dai vigili urbani coinvolti sostenendo che era impossibile dividere l'unica vettura per 16 dipendenti. Ammissioni invece, erano schiaccianti i filmati, per quanto riguarda i dipendenti che marcavano più di un tesserino all'uscita. In molti hanno risposto che loro erano comunque a lavoro anche se “badgiavano” gli altri al loro posto. Gli unici due che invece hanno deciso di non rispondere alle domande del giudice hanno scelto di ricorrere al tribunale del Riesame per ottenere un'attenuazione della misura cautelare. Così come a breve farà anche per gli altri che hanno “collaborato” il folto collegio difensivo composto da Ferdinando Striano, Bernardo Brancaccio, Michele Riggi ed Elio D'Aquino.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Colombi e piccioni: come tenerli lontani da casa

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento